note biografiche
opere grafiche
cinema

 gli occhi aperti
 animali felici
 premio solinas

teatro
pubblicazioni
cantiere
fotografie
comunicazione
calendario
contatti
Gli Occhi Aperti

13’ • Italia, 1996 • 35 mm colore


scritto e diretto da Angelo Ruta
con:

Pasqualino Pasella (Goran)
Carla Chiarelli (Liliana)
Fabio Mazzari (Fabio)
Lello Cassinotti (Lello)
Mauro Ramerio (Zeljko)
Marta Rabbiosi (la Madonna)
Arianna Marano (una ragazza dell’albergo)

direttore della fotografia: Sergio De Feudis
montaggio: Carlotta Cristiani
musiche: The Klezmatics (Piranha Musik)
scene: Totoy Santoro
costumi: Donatella Cianchetti
trucco: Benedetta De Leonardis

• Primo premio concorso Spazio Italia al XIV Torino Film Festival
• Premio della Stampa “Achille Valdata” al XIV Torino Film Festival
• Premio alla regia al I Genova Film Festival


IL FILM

Goran è un bambino visionario, che una troupe di giornalisti italiani trova al rientro da un reportage di guerra sui Balcani, durante il conflitto che tra il 1989 e il 1996 ha visto frantumarsi la Jugoslavia.
Il bambino assiste a misteriose apparizioni della Madonna nel luogo in cui hanno ucciso i suoi genitori e bruciato la sua casa; e i giornalisti lo convincono a filmare in diretta il miracolo.


NOTA DELL'AUTORE

L’idea de Gli occhi aperti è nata per caso, credo nel ’95, quando imperversava la guerra sui Balcani (iniziata nell’89) e in Italia avveniva uno dei miracoli che periodicamente scuotono le coscienze, una lacrimazione o una visione, non ricordo bene: e la cronaca metteva accanto, involontariamente, morti e carneficine da una parte, testimonianze di fede e pellegrinaggi dall’altra. C’era un senso di impotenza di fronte al quotidiano e un distratto interesse mistico verso il soprannaturale.
Questo lo spunto iniziale, da cui poi la storia si è sviluppata secondo il mio modo di sentire, che vede nella casualità delle circostanze la chiave di interpretazione delle vicende umane; ne Gli occhi aperti i carnefici sono da una parte e dall’altra e sono carnefici inconsapevoli, sia che si tratti di giornalisti o di vittime della guerra, carnefici per sopravvivere.

Angelo Ruta

http://www.imdb.com/Sections/Awards/Torino_International_Festival_of_Young_Cinema/1996