note biografiche
opere grafiche
cinema
teatro
pubblicazioni
cantiere
fotografie
comunicazione

 moak
 il tram di riza

 modica necessaria
 proposte
 airc

 tutti i loghi
 modica
 zarchè
 quasimodo

 bbday
 bibliostoria
 trento c.
 folder


calendario
contatti
moak, illustrazione applicata

MOTYKA per i greci, MOTUCA per i romani, MOHAC per gli arabi. Nel corso della sua storia millenaria la città siciliana di Modica ha fatto parte delle più grandi civiltà. E proprio agli arabi, "Scopritori" e grandi consumatori di caffè, ci si volle richiamare quando nel 1967 a Modica fu fondata un'azienda, nuova e antica allo stesso tempo, per la torrefazione e la distribuzione del caffè. Da allora MOAK non ha fatto che progredire, in dimensioni, in qualità, in notorietà del marchio.

Il successo di Moak viene determinato non solo per l'attenzione che l'azienda dedica alla qualità del prodotto e all'innovazione, ma anche per la cura dell'immagine, che presto diventa punto di forza del brand. Nel 1997 Moak lancia il suo primo calendario. Il primo di una lunga serie, caratterizzata ora dall’ironia, ora da significati profondi che trasformano uno strumento di comunicazione in un vero e proprio appuntamento annuale atteso da tutti i clienti e non solo.

L'azienda si fa anche portavoce di arte e cultura, promuovendo un concorso di narrativa, Caffè Letterario Moak. Nato nel 2002, ogni anno accoglie la partecipazione numerosa di giovani talenti ispirarati dall’amata bevanda scura. A Caffè Letterario Moak si affianca Corto Moak, il concorso internazionale di cortometraggi, a cui partecipano giovani registi italiani e non. Il 2009 è un altro anno importante: Moak si affida a Bob Noorda per il restyling del marchio aziendale. Il nuovo logo e l’immagine aziendale, realizzati dal grande designer olandese, mantengono una continuità e i tratti distintivi con cui l’azienda ha fatto conoscere il culto del vero caffè espresso in tutto il mondo, e proiettano Moak nel futuro verso i mercati internazionali.

Nel 2010 Moak inaugura la nuova sede: un complesso architettonico di 3200 m2, distribuiti su due piani per l’area amministrativa e 5500 m2 destinati alla produzione. Al suo interno ospita anche un laboratorio creativo “for[me] moak”, interamente dedicato alla progettazione e realizzazione di nuove linee merchandising. La tazzina, il cucchiaino e il packaging diventano non solo strumenti di lavoro, ma oggetti cult, dal design unico ed elegante, da collezionare o da regalare.
Questa è la breve storia Moak, il caffè che piace.
maggiori info su www.caffemoak.com


le caffettiere





i racconti sul caffè







al bar













in fiera









le carte da gioco





il caffè letterario





i chicchi di caffè